Consegna a domicilio per gli ordini di Accessori. Mettiti comodo, al resto ci pensa Liv!  Scopri di più

Mariske Strauss

Essere di inspirazione

Mariske Strauss, è un'ottima biker e campionessa sudafricana e continentale che ha vinto tanto e ha da sempre una profonda passione per la vita all'aria aperta e uno stile di vita attivo. Negli ultimi dieci anni si è dedicata alle competizioni nel circuito internazionale, perseguendo incessantemente il suo sogno di partecipare ai Giochi Olimpici. Nonostante i suoi notevoli risultati, Mariske rimane fedele alla sua filosofia di "aspirare a ispirare". Nel 2016 ha conseguito la laurea in Scienze dello Sport, che le ha permesso di perseguire la sua passione come trainer e di lavorare come massaggiatrice sportiva. Attraverso la sua clinica del benessere, Mariske promuove uno stile di vita attivo e sano, organizzando workshop e sessioni di coaching per persone di tutte le età, in particolare bambini e donne. Il suo obiettivo finale è trasmettere la sua vasta conoscenza ed esperienza alla generazione successiva, garantendo un'eredità di ispirazione e motivazione.

Abbiamo parlato con Mariske per saperne di più sui tutto ciò che l'ha portata a questo punto della sua vita.

Liv: Come ti sei avvicinata al ciclismo?

Mariske: Mio padre mi ha fatto appassionare al ciclismo, ho iniziato a correre e poi mio fratello ha seguito l'esempio. Dato che ero sempre presente ai loro eventi, ho pensato: "Perché non provarci io stessa?" La passione per il ciclismo mi ha colpito e da allora non ho mai guardato indietro.

Liv: Perché è importante per te creare maggiori opportunità per le donne nel ciclismo?

Mariske: Quando ho iniziato a correre dovevo competere contro i ragazzi poiché non esisteva una comunità di concorrenti donne. Ho sperimentato le sfide in prima persona e conosco le difficoltà, motivo per cui sono profondamente impegnata a far progredire questo sport in modo che la prossima generazione possa avere delle possibilità ancora migliori.

Liv: In che modo il ciclismo e il fatto di essere di ispirazione verso gli altri ti hanno plasmato come persona?

Mariske: Penso che la vita ci mandi su strade strane ed essendo stata un'atleta per la maggior parte della mia vita, so che noi come atleti possiamo essere molto duri con noi stessi nella ricerca della “perfezione”. Alla fine devi stabilire degli obiettivi per te stessa: mi piace misurarmi con me stessa, alla fine è l'unica cosa che posso controllare, e se posso essere la versione migliore di me stessa e crescere in ogni occasione, allora lo sono andando avanti. Siamo tutti in viaggio e attraverso il mio sport, ho imparato a superare e superare i momenti difficili e a celebrare i momenti migliori, mi ha plasmato nella persona che sono oggi e non riesco a immaginare la mia vita senza la mia bici. Oltre alle medaglie e ai podi, il ciclismo mi ha dato la grinta e l’impegno necessari per affrontare tutto ciò che la vita ha da offrire e questo è un dono incredibile. Spero che attraverso tutto questo ispirerò la prossima generazione di atlete e non solo.

Liv: Recentemente hai annunciato sul tuo blog una nuova diagnosi medica, come ha cambiato la tua vita e come hai fatto a superarla?

Mariske: Sì, mi è stata diagnosticata la miocardite. Ha completamente sconvolto il mio mondo, sono passata dall’essere un atleta di alto livello che si allena e gareggia a tutto campo al niente. Le prime 6 settimane mi hanno permesso di sedermi sul divano e rilassarmi... dopodiché ho potuto iniziare a camminare ma niente che aumentasse la mia frequenza cardiaca e non più di un'ora. Sono finalmente a un punto in cui posso iniziare ad andare in bicicletta, ancora senza intensità, ma finalmente posso cominciare a liberarmi da alcuni dei farmaci che devo prendere. È un processo molto lento e non è facile, ma so che c’è una ragione per tutto questo. Ha messo tutto in prospettiva per me ed è stata sicuramente una prova di fede e pazienza ed è ancora una “danza” continua per raggiungere la mia piena salute. Sono stata così benedetta e fortunata ad avere degli sponsor straordinari e una struttura di supporto fenomenale che mi è stata accanto durante tutto, sono grata per questo e cerco di aggrapparmi a queste benedizioni e momenti positivi. Non fraintendermi, ho avuto la mia giusta dose di momenti disperati e ho pianto a dirotto, ma ho scelto di concentrarmi sul bene. Hai il controllo di come decidi di reagire alle situazioni e non sto dicendo che non puoi essere triste, se attraversi un momento difficile, abbraccia il dolore e la ferita. Per quanto mi riguarda, lo affronto nello stesso modo in cui affronterei una sezione tecnica di una Coppa del Mondo XCO: valuto la situazione (o il rock garden), percorrila, discutila e poi vai avanti. Trova le cose che ti danno gioia e tienile strette, dopo aver valutato e imparato ciò che puoi dalle tue difficoltà, lascialo andare e vai avanti.

Liv: Quali sono i tuoi altri hobby? Abbiamo visto che sei anche un artista della pittura a olio sui social.

Mariske: Sì, mi sono innamorata della pittura a olio, questa è stata una delle benedizioni inaspettate che sono emerse dalla mia situazione attuale. Visto che non sono stata in grado di dedicarmi alla maggior parte dei miei hobby più avventurosi, dipingere è stata una fuga straordinaria e un piacevole cambio di ritmo.

Liv: Cosa diresti a una non ciclista o a qualcuna che ha appena iniziato a praticare questo sport per incoraggiarla?

Mariske: Il ciclismo è libertà e gioia in movimento, quindi abbraccia tutto ciò che ha da offrire. C'è una strana euforia nello spingere il tuo corpo oltre tutti i limiti che pensavi possibili, quindi non importa quanto diventi abile, ricorda sempre perché hai iniziato in primo luogo e mantieni la gioia che il ciclismo porta. Dopotutto è uno dei motivi principali per cui abbiamo iniziato ad andare in bicicletta.

Segui Mariske su Instagram per consigli tecnici sulla mountain bike e rimani aggiornato con il blog di Mariske Strauss